0

NOUVEAUTES  | enregistrements trouvés : 56

O
     

-A +A

Sélection courante (0) : Tout sélectionner / Tout déselectionner

P Q

y

- VI-136 p.
ISBN 978-88-243-2407-6

Réunit les actes du colloque "Diritto, potere et ragione nel pensiero di Letizia Gianformaggio" qui s'est tenu à l'Université de Ferrara les 10 et 11 octobre 2014

théorie-philosophie du droit ; logique juridique ; principe d'égalité

... Lire [+]

V

- 63 p.
ISBN 978-88-495-3017-9

Présentation de l'éditeur : "a teoria del diritto di Hans Kelsen non finisce d'essere fonte di riflessione per il giusfilosofo a ormai piú di cento anni dalla sua prima elaborazione (che si ebbe nei ponderosi Hauptprobleme der Staatsrechtheorie pubblicati nel 1911). La sua cristallina sistematica ha da sempre attratto il giurista ed il filosofo alla ricerca di architetture e di sistemi generali e di fondazioni irrefutabili. Il trascendentalismo ed il logicismo della «dottrina pura» sembrano poter soddisfare una tale esigenza. Alla quale si accompagna il desiderio di neutralità che risulta fortissimo per chi, come il teorico ed il pratico del diritto, ha per così dire quotidianamente le mani in pasta nella preparazione di fatti ultimativi e di decisioni sulla vita ed i beni dei cittadini. Il kelsenismo potrebbe essere un riparo dagli schizzi di responsabilità che una tale manipolazione di norme, e di vite ahinoi, necessariamente provoca e diffonde. Ontologia ed epistemologia sono messe in moto per la giustificazione della prassi del giurista, e per un recupero della sua dignità, compromessa da secoli di vicinanza al potere, ed ora dalla possente figura dello Stato, ma soprattutto dal cambiamento di paradigma scientifico che lo espone indifeso alla critica di quanti non gli riconoscono più statuto di «scienziato», ovvero produttore di «verità». François Kervégan con fine sensibilità di filosofo politico affronta questi temi da una prospettiva alta, ma allo stesso tempo consapevole dell'elevata posta in gioco."
Présentation de l'éditeur : "a teoria del diritto di Hans Kelsen non finisce d'essere fonte di riflessione per il giusfilosofo a ormai piú di cento anni dalla sua prima elaborazione (che si ebbe nei ponderosi Hauptprobleme der Staatsrechtheorie pubblicati nel 1911). La sua cristallina sistematica ha da sempre attratto il giurista ed il filosofo alla ricerca di architetture e di sistemi generali e di fondazioni irrefutabili. Il trascendentalismo ...

théorie-philosophie du droit ; logique juridique

... Lire [+]

V

- LIV-811 p.
ISBN 978-88-6342-999-2

Présentation de l'éditeur : ""Il tema della città come spazio politico ha conseguito un fil rouge pressoché ininterrotto, nella storia della cultura. Fin dalle sue più remote origini, ha alluso al desiderio insopprimibile dell'uomo di provvedersi di un insediamento, costruire una comunità, regolare la vita attraverso gli istituti della famiglia, le relazioni sociali e le forme del diritto. L'età contemporanea rappresenta, da questo punto di vista, una fase del cammino della città nella storia, con alcune caratteristiche che la rendono meritevole di un serio ripensamento. In una condizione di vita quale sembra essere quella tipica della nostra tarda modernità, improntata all'immaterialità, alla de-localizzazione e al contempo alla straordinaria interconnessione, le città rappresentano un punto di intersezione fra concezione tradizionale dello spazio e flussi reticolari di dati, informazioni, interessi e pretese. Il socius dell'era globalizzata (o, come sembra giunto il momento di dire, post-globalizzata) è insediato nella dimensione urbana a diversi livelli, vive all'interno di uno spazio che costituisce oggi un nucleo di territorialità che appare sostanzialmente dissipato in altri contesti, ma non si esime dall'aprirsi alla complessità del globale nel quale pure abita. In una frizione evidente, le forme tradizionali della vita urbana si trovano a ospitare nuovi discorsi, nuove pratiche, nuovi diritti: diventa sempre più necessaria una riflessione plurale intorno a questi fenomeni, che hanno il loro fulcro in un concetto di cittadinanza di straordinaria ricchezza e complessità. Nel volume che qui si presenta, l'idea che lo spazio urbano sia uno spazio politico riposa sulla convinzione che la politicità del fatto urbano consista nella pluralità dei registri che esso esprime, e che dunque competa alla polis forgiarne il nuovo lessico. Anche per questa ragione, la riflessione animata in queste pagine si avvale dei contributi di studiosi che provengono da discipline diverse, portatori di saperi specialistici ma non refrattari al confronto fra le rispettive visioni della città del XXI secolo. Sulla base di queste brevi considerazioni, si può dire che in questo lavoro trovi una sua forma di espressione il concetto di comunità di ricerca che la nostra Università esprime, da alcuni secoli, anche attraverso una presenza profonda, attiva e dialogante nella e con la città cui appartiene. Il senso del radicamento nel territorio e l'apertura ineludibile alla complessità del mondo globalizzato nutrono quotidianamente la nostra vocazione istituzionale e consentono, in un certo senso, di associare le città e le Università in questo destino comune. Non casualmente, il nostro Ateneo sorge all'interno del nucleo cinquecentesco di una cittadella monastica: nutrita delle radici della propria identità, ben aperta all'esterno e al futuro."
Présentation de l'éditeur : ""Il tema della città come spazio politico ha conseguito un fil rouge pressoché ininterrotto, nella storia della cultura. Fin dalle sue più remote origini, ha alluso al desiderio insopprimibile dell'uomo di provvedersi di un insediamento, costruire una comunità, regolare la vita attraverso gli istituti della famiglia, le relazioni sociali e le forme del diritto. L'età contemporanea rappresenta, da questo punto di ...

espace urbain ; citoyenneté ; Droit public

... Lire [+]

y

- XI-150 p.
ISBN 978-88-495-3177-0

Présentation de l'éditeur : "La democrazia è ormai intrisa del principio rappresentativo: non può più essere pensata se non attraverso tale principio, al punto da esserne diventata prigioniera. Ciononostante, e malgrado l'ascesa dei populismi, la sfiducia dei cittadini nei confronti degli uomini politici eletti e la loro apparente indifferenza nei confronti della politica, l'idea democratica si diffonde nei quartieri, nelle città, nelle scuole, nelle imprese, grazie all'attività spesso informale dei cittadini. Esperienze recenti di questo tipo fanno apparire una nuova forma di democrazia. La forma tradizionale si chiamava e si chiama democrazia rappresentativa o democrazia elettorale; quella che emerge in questi anni potrebbe chiamarsi democrazia dell'opinione, democrazia del pubblico o democrazia partecipativa. Può anche prendere il nome di democrazia continua: questa è la proposta di Dominique Rousseau, che difende in questo saggio, ora pubblicato nella versione italiana, i principi e le conseguenze di una profonda riforma istituzionale. Attraverso numerosi esempi presi dalla politica francese ma non solo, l'Autore delinea i tratti di una nuova democrazia, regime di cui propone una vera e propria rifondazione."
Présentation de l'éditeur : "La democrazia è ormai intrisa del principio rappresentativo: non può più essere pensata se non attraverso tale principio, al punto da esserne diventata prigioniera. Ciononostante, e malgrado l'ascesa dei populismi, la sfiducia dei cittadini nei confronti degli uomini politici eletti e la loro apparente indifferenza nei confronti della politica, l'idea democratica si diffonde nei quartieri, nelle città, nelle scuole, ...

Democratie ; democratie participative ; France

... Lire [+]

y

- IV-332 p.

... Lire [+]

V

- 432 p.
ISBN 978-88-15-25895-3

1ère éd. : Il Mulino, 2005. Présentation de l'éditeur : "Il manuale offre una visione d'insieme sull'universo delle democrazie contemporanee. La prima parte introduce i concetti, i metodi e le principali ipotesi elaborate dalla scienza politica per l'analisi comparata dei processi di formazione della rappresentanza e delle istituzioni di governo nei regimi democratici. Nella seconda e terza parte sono esaminati dieci paesi maggiori attraverso uno schema uniforme che riflette i temi trattati nella prima parte: disegno costituzionale, partecipazione e partiti, sistema partitico ed elettorale, parlamenti e governi, istituzioni territoriali, caratteri del policy making, stabilità e rendimento. Uno strumento che aiuta a cogliere i nessi tra i vari aspetti di ciascun sistema politico e a inquadrare i modi in cui specifiche istituzioni funzionano o specifici processi si svolgono in contesti diversi."
1ère éd. : Il Mulino, 2005. Présentation de l'éditeur : "Il manuale offre una visione d'insieme sull'universo delle democrazie contemporanee. La prima parte introduce i concetti, i metodi e le principali ipotesi elaborate dalla scienza politica per l'analisi comparata dei processi di formazione della rappresentanza e delle istituzioni di governo nei regimi democratici. Nella seconda e terza parte sono esaminati dieci paesi maggiori attraverso ...

institutions politiques ; droit comparé

... Lire [+]

V

- XXX-181 p.
ISBN 978-88-495-3063-6

Présentation de l'éditeur : "Nel saggio si ha l'obiettivo di evidenziare come, a livello europeo, siano rinvenibili fondamenti, seppur frammentari, di un diritto pubblico europeo dell'economia. Il diritto europeo non è, in altri termini, un diritto esclusivamente fondato sulla concorrenza, ma rilevanti sono le indicazioni normative, a partire dall'Atto Unico europeo e soprattutto giurisprudenziali, che consentono di ridimensionare il principio di concorrenza e di riconoscere un ruolo discrezionale degli Stati nelle scelte finalizzate al soddisfacimento di finalità pubblicistiche e sociali. Dal modello ordoliberale della Scuola di Friburgo che ha influenzato il modello sociale ed economico europeo delle origini, tende a distaccarsi il modello economico europeo attuale che accoglie, in un quadro di natura conflittuale ed in continua evoluzione, un c.d. diritto pubblico dell'economia orientato ad affermare principi fondativi dello Stato democratico-sociale, fondato sul principio della coesione economico-sociale e territoriale. Di tale modello, peraltro, si avverte l'esigenza, considerata la debolezza mostrata dalle istituzioni pubbliche nella crisi economica contemporanea."
Présentation de l'éditeur : "Nel saggio si ha l'obiettivo di evidenziare come, a livello europeo, siano rinvenibili fondamenti, seppur frammentari, di un diritto pubblico europeo dell'economia. Il diritto europeo non è, in altri termini, un diritto esclusivamente fondato sulla concorrenza, ma rilevanti sono le indicazioni normative, a partire dall'Atto Unico europeo e soprattutto giurisprudenziali, che consentono di ridimensionare il principio ...

droit public économique ; droit européen

... Lire [+]

V

- 511 p.
ISBN 978-88-15-26031-4

Présentation de l'éditeur : "Questo volume raccoglie una selezione di scritti di Mario Dogliani che testimoniano la vastità dei suoi ambiti di studio e il suo essere scienziato del diritto costituzionale rigoroso e appassionato. L'obiettivo - lo si comprende già dal titolo - è di porre in rilievo uno dei tratti più caratteristici e ricorrenti della sua opera: l'instancabile ricerca di un ordine - nella classificazione dei concetti di costituzione, nella sequenza cronologica dei periodi costituzionali, nella manutenzione del libro delle fonti, nella ricostruzione delle teorie e delle definizioni di interpretazione, di rappresentanza, di indirizzo politico - che appare perduto, perché sistematicamente trascurato, quando non consapevolmente tradito e sovvertito, dalla scienza giuridica, dalla prassi legislativa e giurisprudenziale, dalla politica, e tuttavia mai irrimediabilmente. Alla descrizione del disordine e dei suoi sintomi, infatti, Mario Dogliani fa sempre seguire la tensione ricostruttiva dell'ordine. Ciascun saggio di Dogliani è preceduto da un'introduzione di un suo allievo o di un più giovane amico e collega, a conferma della profondità del suo insegnamento."
Présentation de l'éditeur : "Questo volume raccoglie una selezione di scritti di Mario Dogliani che testimoniano la vastità dei suoi ambiti di studio e il suo essere scienziato del diritto costituzionale rigoroso e appassionato. L'obiettivo - lo si comprende già dal titolo - è di porre in rilievo uno dei tratti più caratteristici e ricorrenti della sua opera: l'instancabile ricerca di un ordine - nella classificazione dei concetti di co...

droit constitutionnel ; Etat - Forme ; théorie-philosophie du droit ; Sources du Droit
Sources du Droit

... Lire [+]

V

- 277 p.
ISBN 978-88-495-3122-0

Présentation de l'éditeur : "Questo libro nasce per ricordare il legame che si era creato fra Luis Ortega (1953-2015), Cattedratico di Diritto Amministrativo all'Universidad de Castilla La Mancha, e l'Università di Cagliari, presso la quale lui era componente del collegio dei docenti del Dottorato di Ricerca in Diritto dell'attività amministrativa informatizzata e della comunicazione pubblica. Ciascuno degli autori, in sintonia con alcune delle tematiche ricorrenti negli studi di Luis Ortega, focalizza un particolare profilo dell'innovazione del Diritto amministrativo, nelle diverse accezioni che questa espressione assume - l'innovazione tecnologica, l'evoluzione del linguaggio, i cambiamenti dei principi e delle regole - con riflessioni su aspetti di attualità, utili per comprendere l'evoluzione della disciplina."
Présentation de l'éditeur : "Questo libro nasce per ricordare il legame che si era creato fra Luis Ortega (1953-2015), Cattedratico di Diritto Amministrativo all'Universidad de Castilla La Mancha, e l'Università di Cagliari, presso la quale lui era componente del collegio dei docenti del Dottorato di Ricerca in Diritto dell'attività amministrativa informatizzata e della comunicazione pubblica. Ciascuno degli autori, in sintonia con alcune delle ...

droit administratif ; informatique ; langage ; technologie

... Lire [+]

y


ISBN 978-88-15-26775-7

primauté du droit ; Italie

... Lire [+]

V

- XVII-395 p.
ISBN 978-88-921-0420-4

Présentation de l'éditeur : "Il libro raccoglie le più significative opinioni concorrenti e dissenzienti stese da Paulo Pinto de Albuquerque durante la prima metà del suo mandato come giudice presso la Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo (2011-2015). Curato e introdotto da Davide Galliani, con una prefazione di Paola Bilancia, il libro offre al lettore la possibilità di osservare i diritti umani in una particolare e innovativa prospettiva europea. Dalla legalità all'ergastolo, dai crimini contro l'umanità alla tortura, dalla dignità umana alla pornografia minorile, dall'immigrazione ai diritti sociali, dall'equo processo all'istruzione, dalla legittima difesa al ne bis in idem, dall'adozione alla violenza domestica. Questi alcuni dei temi affrontati nel libro. Il lettore ­ studenti, studiosi e operatori del diritto (giudici, avvocati) ­ potrà confrontarsi con delle opinioni molto documentate, leggendo le quali è possibile farsi una chiara idea sulle condizioni di salute dei diritti umani in Europa, nella giurisprudenza della Corte di Strasburgo e nel sistema di protezione della Convenzione europea."
Présentation de l'éditeur : "Il libro raccoglie le più significative opinioni concorrenti e dissenzienti stese da Paulo Pinto de Albuquerque durante la prima metà del suo mandato come giudice presso la Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo (2011-2015). Curato e introdotto da Davide Galliani, con una prefazione di Paola Bilancia, il libro offre al lettore la possibilità di osservare i diritti umani in una particolare e innovativa ...

Cour européenne des droits de l'homme ; Convention européenne des droits de l'homme ; droits de l'Homme ; jurisprudence

... Lire [+]

V

- 249 p.
ISBN 978-88-93910-31-6

Présentation de l'éditeur : "La CEDU è stata incorporata nell'ordinamento italiano sin dal 1955 e dal 2001 essa vincola il legislatore italiano. Davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo si possono contestare, per violazione dei diritti garantiti dalla CEDU, tutti gli atti delle autorità pubbliche (leggi, sentenze passate in giudicato, pronunce della Corte costituzionale) e gli organi pubblici sono poi tenuti a conformarsi alle decisioni adottate dalla Corte europea. Si può dunque ritenere che il ricorso a Strasburgo attivi un quarto grado di giudizio e si può assimilare la Corte europea ad una seconda Corte costituzionale? Una legge censurata a Strasburgo può essere disapplicata dal giudice? Questo volume cerca di dare una risposta a queste domande (e a molte altre), attraverso il contributo di autorevoli studiosi."
Présentation de l'éditeur : "La CEDU è stata incorporata nell'ordinamento italiano sin dal 1955 e dal 2001 essa vincola il legislatore italiano. Davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo si possono contestare, per violazione dei diritti garantiti dalla CEDU, tutti gli atti delle autorità pubbliche (leggi, sentenze passate in giudicato, pronunce della Corte costituzionale) e gli organi pubblici sono poi tenuti a conformarsi alle decisioni ...

droit européen et droit interne ; ordre juridique ; Convention européenne des droits de l'homme ; Droit italien

... Lire [+]

V

- XX-390 p.
ISBN 978-88-921-0499-0

Présentation de l'éditeur : "La Convenzione europea dei diritti dell'uomo e la giurisprudenza della Corte di Strasburgo sono oggi sempre più avvertiti come parte integrante del diritto che il giudice penale italiano è chiamato quotidianamente a interpretare e applicare, nella sua veste di "primo garante" dei diritti convenzionali. Dal punto di vista dell'avvocato, d'altra parte, la prospettiva di un ricorso a Strasburgo resta sempre sullo sfondo delle possibili opzioni difensive a salvaguardia dei diritti fondamentali, una volta esauriti i rimedi interni; ma, assai prima, la Convenzione europea dei diritti dell'uomo e la sua interpretazione possono oggi rivelarsi strumenti preziosi durante il processo penale, per sollecitare il superamento di prassi interpretative consolidate e/o la formulazione di questioni di legittimità costituzionale. Questo volume, intitolato Corte di Strasburgo e giustizia penale, illustra in maniera sistematica la giurisprudenza della Corte relativa alle disposizioni convenzionali rilevanti nel giudizio penale e intende costituire una sorta di vademecum a uso del magistrato, dell'avvocato e dello studioso italiani, i quali desiderino misurarsi con il necessario rigore con le ormai numerosissime questioni che chiamano in causa l'ambito di tutela dei diritti dell'uomo.Giulio Ubertis è professore ordinario di Diritto processuale penale e di Epistemologia giudiziaria nell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.Francesco Viganò è professore ordinario di Diritto penale nell'Università Bocconi di Milano.Sono autori di numerosi saggi sulla Convenzione europea dei diritti dell'uomo e da anni seguono la giurisprudenza della Corte di Strasburgo curandone il Monitoraggio mensile su Diritto penale contemporaneo e la Rassegna trimestrale sulla Rivista italiana di diritto e procedura penale."
Présentation de l'éditeur : "La Convenzione europea dei diritti dell'uomo e la giurisprudenza della Corte di Strasburgo sono oggi sempre più avvertiti come parte integrante del diritto che il giudice penale italiano è chiamato quotidianamente a interpretare e applicare, nella sua veste di "primo garante" dei diritti convenzionali. Dal punto di vista dell'avvocato, d'altra parte, la prospettiva di un ricorso a Strasburgo resta sempre sullo sfondo ...

procédure pénale ; Cour européenne des droits de l'homme ; droit processuel ; jurisprudence ; Italie

... Lire [+]

V

- XI-530 p.
ISBN 978-88-14-21933-7

Présentation de l'éditeur : "La disciplina europea della giustizia penale rappresenta forse il più imponente fenomeno della nostra epoca, destinato a segnare profondamente quella che sembrava essere l'ultima roccaforte della sovranità statuale; un fenomeno di impatto così forte da poter incidere sugli stessi caratteri "morfologici" del diritto processuale penale interno. Il manuale offre una ricostruzione ragionata dell'imponente insieme di regole, princìpi e istituti che caratterizzano questo mondo in divenire, inquadrandone i profili di maggior rilievo. Esso è concepito come guida didattica per i sempre più numerosi corsi universitari in materia ma anche con utile strumento di sussidio per avvocati e magistrati, la cui formazione ad un'"autentica cultura europea in materia giudiziaria" è considerata uno degli obiettivi primari dell'Unione."
Présentation de l'éditeur : "La disciplina europea della giustizia penale rappresenta forse il più imponente fenomeno della nostra epoca, destinato a segnare profondamente quella che sembrava essere l'ultima roccaforte della sovranità statuale; un fenomeno di impatto così forte da poter incidere sugli stessi caratteri "morfologici" del diritto processuale penale interno. Il manuale offre una ricostruzione ragionata dell'imponente insieme di ...

procédure pénale ; Europe

... Lire [+]

V

- XII-431 p.
ISBN 978-88-921-0593-5

Présentation de l'éditeur : "L'informatica giuridica studia gli aspetti giuridici della rivoluzione tecnologica, economica e sociale prodotta dall'informatica, l'elaborazione automatica delle informazioni. Il volume approfondisce i temi dell'informatica giuridica, esaminando le diverse connessioni tra le tecnologie informatiche e il diritto: introduce le tecnologie dell'informatica, soffermandosi sui loro fondamenti concettuali e culturali, e indica come tali tecnologie possano essere impiegate nelle attività giuridiche e come il loro uso possa essere regolato dal diritto. La rapida evoluzione delle tecnologie informatiche e della loro disciplina giuridica ha reso necessaria la preparazione di una nuova edizione a pochi anni dalla precedente. In particolare, il volume è stato integrato da sezioni dedicate ai seguenti temi: big data, open data, bitcoin, smart contract, diritti e governo della rete, memoria della rete e oblio, robotica, armi intelligenti."
Présentation de l'éditeur : "L'informatica giuridica studia gli aspetti giuridici della rivoluzione tecnologica, economica e sociale prodotta dall'informatica, l'elaborazione automatica delle informazioni. Il volume approfondisce i temi dell'informatica giuridica, esaminando le diverse connessioni tra le tecnologie informatiche e il diritto: introduce le tecnologie dell'informatica, soffermandosi sui loro fondamenti concettuali e culturali, e ...

informatique ; technologie numérique ; communication - information ; internet ; intelligence artificielle

... Lire [+]

V

- XVII-394 p.
ISBN 978-88-921-0019-0

Il volume raccoglie i contributi di: Pasqualino Albi, Laura Ammannati, Francesca Andreoni, Alessio Antonelli, Allegra Canepa, Andrea Crismani, Stefania Curadi, Alfredo De Girolamo, Fabiana Di Porto, Michela Passalacqua, Nicoletta Ragone, Paolo Rossi, Elisa Scotti, Riccardo Ursi.

finances publiques ; service public ; droit régional-collectivités territoriales ; Italie

... Lire [+]

V

- XI-234 p.
ISBN 978-88-921-0077-0

Présentation de l'éditeur : ""Convegni, dibattiti, seminari. E poi monografie, saggi e interventi vari. Negli ultimi tempi, per effetto prima della sottoscrizione del 'Fiscal Compact' (o 'patto di bilancio') e successivamente a seguito della riforma costituzionale del 2012 che ha introdotto il principio del pareggio di bilancio (e della correlata legge di attuazione), si è avuta una reviviscenza dell'interesse sull' art. 81 della Costituzione. Questi avvenimenti rappresentano soltanto alcune tra le tappe (non certamente le ultime) del cammino verso la blindatura delle politiche fiscali entro regole di condotta inflessibili, con un orientamento fortemente restrittivo, il cui allentamento diventa sempre più difficile. In particolare, negli Stati periferici dell'Unione economica e monetaria (UEM) gli effetti delle politiche di austerità si sono già rivelati di segno opposto a quelli attesi, traducendosi in recessione, disoccupazione, carenza di investimenti, peggioramento delle condizioni di vita e aumento della povertà e del rischio sociale. Economisti e giuristi concordano nel denunciare questa situazione e invitano l'Europa a cambiare rotta. Dopo un'iniziale fase di chiusura, le istituzioni europee, soprattutto la Commissione, sembrano ora disposte ad una revisione della propria impostazione, utilizzando in particolare i margini di flessibilità consentiti dalle norme vigenti in materia di bilancio."
Présentation de l'éditeur : ""Convegni, dibattiti, seminari. E poi monografie, saggi e interventi vari. Negli ultimi tempi, per effetto prima della sottoscrizione del 'Fiscal Compact' (o 'patto di bilancio') e successivamente a seguito della riforma costituzionale del 2012 che ha introdotto il principio del pareggio di bilancio (e della correlata legge di attuazione), si è avuta una reviviscenza dell'interesse sull' art. 81 della Costituzione. ...

finances publiques ; fiscalité ; politiques d'autstérité ; droit communautaire - droit de l'Union européenne

... Lire [+]

V

- 380 p.
ISBN 978-88-15-25958-5

Présentation de l'éditeur : "Il manuale traccia un quadro chiaro, aggiornato e dettagliato, del diritto dell'ambiente tenendo conto delle più recenti modifiche del diritto comunitario e del diritto costituzionale italiano. Dopo aver definito i principi, le nozioni giuridiche fondamentali e le fonti della disciplina, esamina le competenze dei soggetti coinvolti - dagli organismi internazionali all'Unione europea, dallo stato alle regioni e agli enti locali - per poi concentrarsi sulle materie ambientali, sulle condizioni di utilizzazione e sui limiti dei principali strumenti di intervento."
Présentation de l'éditeur : "Il manuale traccia un quadro chiaro, aggiornato e dettagliato, del diritto dell'ambiente tenendo conto delle più recenti modifiche del diritto comunitario e del diritto costituzionale italiano. Dopo aver definito i principi, le nozioni giuridiche fondamentali e le fonti della disciplina, esamina le competenze dei soggetti coinvolti - dagli organismi internazionali all'Unione europea, dallo stato alle regioni e agli ...

droit de l'environnement

... Lire [+]

V

- 225 p.
ISBN 978-88-9391-012-5

Extrait de l'introduction : "L'incremento esponenziale, cui si assiste da tempo, del dibattito sui rapporti tra Corti nazionali e Corti europee e quindi tra giudice nazionale, da un lato, e Corte di giustizia e Corte europea dei diritti dell'uomo, dall'altro, costituisce un dato oggettivo dii agevole interpretazione, se solo si considera il ruolo proprio del potere giudiziario negli ordinamenti moderni, espressione, nella sua fase attuativa, del momento di applicazione, sintesi e garanzia del prodotto posto in essere dal potere legislativo e da quello amministrativo. Ma il dibattito, lungi dal tracciare percorsi argomentativi di comune condivisione, ha determinato un accentuarsi dei contrasti - conseguenza di questo primato, se così si può dire, del potere giudiziario - in un settore, quello dei "diritti fondamentali", nel quale la soluzione dei problemi che si pongono si è manifestata non di certo priva di difficoltà, entrando in gioco valori costituzionali non disposti a recedere di fronte a principi e regole europee con gli stessi non sempre facilmente conciliabili. Il possibile sconfinamento della funzione giurisdizionale "interna" in ambiti non propri o, più in generale, l'eventuale inosservanza di principi e regole di origine esterna, cui detta funzione deve o dovrebbe attenersi nella sua fase attuativa, mette a nudo in tutto il suo spessore la problematica della responsabilità dello Stato, che emerge qualora esso, nell'esercizio di siffatta "sovrana" attività, contravvenga ai vincoli posti dai due richiamati sistemi, specie se con provvedimenti definitivi. L'indagine che si è intesa svolgere, comportando, nell'accertamento di detta responsabilità, l'esigenza di individuare i parametri adottati in materia dagli ordinamenti UE ed interno, oltre che dal sistema convenzionale, non necessariamente sovrapponibili, ma eventualmente confliggenti, ha dovuto affrontare una complessa operazione di regolamentazione dei confini, i cui contorni sono stati resi meno conflittuali dal principio del bilanciamento degli interessi costituzionalmente protetti con quelli espressi dalle Corti sovranazionali. "
Extrait de l'introduction : "L'incremento esponenziale, cui si assiste da tempo, del dibattito sui rapporti tra Corti nazionali e Corti europee e quindi tra giudice nazionale, da un lato, e Corte di giustizia e Corte europea dei diritti dell'uomo, dall'altro, costituisce un dato oggettivo dii agevole interpretazione, se solo si considera il ruolo proprio del potere giudiziario negli ordinamenti moderni, espressione, nella sua fase attuativa, del ...

Cour de justice de l'Union européenne ; Cour européenne des droits de l'homme ; droit européen et droit interne ; juridictions de l'Union européenne ; ordre juridique ; juge constitutionnel

... Lire [+]

V

- XVIII-197 p.
ISBN 978-88-921-0411-2

Présentation de l'éditeur : "Il volume "Le prassi delle Corti e le teorie degli studiosi", insieme a "La dottrina nella giurisprudenza oltre i confini di spazio, giurisdizione e materia" (edito da Giappichelli nella collana "Studi di Diritto Comparato"), entrambi riuniti sotto l'unico titolo "Giureconsulti e giudici. L'influsso dei professori sulle sentenze", rappresenta il frutto di una ricerca scientifica triennale sul tema del rapporto fra dottrina e giurisprudenza delle Corti di vertice, che ha coinvolto quattordici Università italiane e vari gruppi di ricerca internazionali. I saggi in essi raccolti sono stati presentati nel corso di convegni organizzati nell'ambito della ricerca presso le sedi universitarie di Napoli Federico II, Verona, Rabat (Marocco) e Torino. Come si legge nella premessa comune "i due libri sull'influsso dei professori sulla giurisprudenza delle Corti di vertice testimoniano l'importanza del diritto comparato, che continua a proporsi come disciplina autonoma, vocata al ruolo di guardiano dei giudici, e attraverso di essi di custode del legislatore e di osservatore critico delle dottrine interne, che manifestino pretese di universalità". In particolare, il volume "Le prassi delle Corti e le teorie degli studiosi" include studi di carattere teorico e metodologico relativi all'influenza della dottrina sulla giurisprudenza delle Corti costituzionali e di vertice, i quali indagano altresì le ragioni poste a fondamento del meccanismo citazionale."
Présentation de l'éditeur : "Il volume "Le prassi delle Corti e le teorie degli studiosi", insieme a "La dottrina nella giurisprudenza oltre i confini di spazio, giurisdizione e materia" (edito da Giappichelli nella collana "Studi di Diritto Comparato"), entrambi riuniti sotto l'unico titolo "Giureconsulti e giudici. L'influsso dei professori sulle sentenze", rappresenta il frutto di una ricerca scientifica triennale sul tema del rapporto fra ...

doctrine ; jurisprudence constitutionnelle ; tribunaux ; droit comparé

... Lire [+]

V

- XIV-207 p.
ISBN 978-88-921-0610-9

Présentation de l'éditeur : "Il tema del rapporto tra Corte costituzionale e "spesa pubblica", ovvero, tra sentenze "di spesa" della Corte costituzionale, coperture finanziarie e "decisione politica" in ordine alle coperture finanziarie ha sicuramente un'importante e risalente tradizione. Solitamente veniva affrontato unitamente a quello della scarsa precettività del "vecchio" art. 81 Cost., u.c., laddove imponeva al legislatore di prevedere le coperture di bilancio per le leggi che importassero nuove spese. Tale vincolo non poteva certo valere per la Corte costituzionale, che era finanche impossibilitata a renderlo effettivo nei confronti del legislatore. Di fronte al mutamento del contesto costituzionale, con l'introduzione nel 2012 del "valore" del pareggio o equilibrio di bilancio, per quanto non manchino importanti spunti nella giurisprudenza costituzionale di limitazione dell'impatto del diritto CEDU quando incide sulle finanze, paiono ancora significative talune oscillazioni giurisprudenziali in merito ai "blocchi degli scatti stipendiali", ai "contributi di solidarietà" e alle pensioni di reversibilità, fino a pervenire alla netta divaricazione tra la pronuncia sulla Robin Hood Tax e quella sul divieto temporaneo di indicizzazione di talune pensioni superiori al livello minimo INPS. In questo contesto è parso interessante osservare anche un diverso profilo di incidenza del "valore" dell'equilibrio di bilancio, quello del "coordinamento finanziario" statale nei confronti degli enti territoriali, analizzandone l'evoluzione proprio in ragione dell'incidenza del citato "valore", che determina uno svolgimento del coordinamento che da "pervasivo", diviene "virtuoso", per poi caratterizzarsi come vero e proprio "autocoordinamento", tramite il coordinamento "per obiettivi". "
Présentation de l'éditeur : "Il tema del rapporto tra Corte costituzionale e "spesa pubblica", ovvero, tra sentenze "di spesa" della Corte costituzionale, coperture finanziarie e "decisione politica" in ordine alle coperture finanziarie ha sicuramente un'importante e risalente tradizione. Solitamente veniva affrontato unitamente a quello della scarsa precettività del "vecchio" art. 81 Cost., u.c., laddove imponeva al legislatore di prevedere le ...

cour constitutionnelle ; finances publiques ; Italie

... Lire [+]

V

- XVIII-257 p.
ISBN 978-88-495-3026-1

Présentation de l'éditeur : "Il volume ripercorre l'evoluzione del modello di giustizia costituzionale francese dal 1958 ad oggi, per evidenziare il diverso atteggiarsi del Conseil constitutionnel al mutare degli equilibri politico-istituzionali, nel contesto europeo di tutela dei diritti fondamentali e di "dialogo" tra corti. Principi e concetti tanto cari alla cultura costituzionale francese, quali la legge espressione della volontà generale o il principio della separazione dei poteri, spiegano molto dell'atipicità del modello di giustizia costituzionale preventivo e astratto, ma non spiegano tutto. Non bastano a dimostrare la sua resistenza nel tempo all'introduzione di forme di controllo a posteriori di costituzionalità e non giustificano la natura "politica" del Conseil constitutionnel. Cour de cassation e Conseil d'Etat compensano per lungo tempo la mancata previsione di una via di accesso incidentale, offrendo tutela ai diritti fondamentali grazie allo strumento del controllo di convenzionalità e al dialogo con i giudici europei. Tuttavia, all'avvio della riforma costituzionale del 2008, l'inedito raccordo tra controllo di costituzionalità e controllo di convenzionalità rappresenta ormai un elemento di squilibrio del sistema di tutela, che contribuisce all'introduzione della question prioritaire de constitutionnalité."
Présentation de l'éditeur : "Il volume ripercorre l'evoluzione del modello di giustizia costituzionale francese dal 1958 ad oggi, per evidenziare il diverso atteggiarsi del Conseil constitutionnel al mutare degli equilibri politico-istituzionali, nel contesto europeo di tutela dei diritti fondamentali e di "dialogo" tra corti. Principi e concetti tanto cari alla cultura costituzionale francese, quali la legge espressione della volontà generale o ...

justice constitutionnelle ; Dialogue des juges ; Conseil constitutionnel ; Histoire ; France

... Lire [+]

V

- VII-246 p.
ISBN 978-88-921-0120-3

droit constitutionnel ; Italie

... Lire [+]

V

- X-461 p.
ISBN 978-88-921-0470-9

droit constitutionnel ; Italie ; Europe

... Lire [+]

V

- XX-195 p.
ISBN 978-88-921-0551-5

Présentation de l'éditeur : "Il presente volume contiene in primo luogo gli Atti del Convegno "La riforma costituzionale Renzi-Boschi. Quali scenari?", che si è tenuto il 20 aprile 2016 presso l'Università degli studi di Napoli "L'Orientale" e organizzato dal Dipartimento di Scienze Umane e Sociali di questo Ateneo. Vi sono ulteriormente pubblicati altri contributi richiesti in un secondo tempo a diversi colleghi e studiosi, al fine di promuovere un'occasione di riflessione e di confronto, improntata anche alla interdisciplinarietà e alla comparazione, su di un tema di stringente attualità, soprattutto alla luce del referendum confermativo che vedrà gli elettori prossimamente a pronunciarsi sul testo di riforma costituzionale."
Présentation de l'éditeur : "Il presente volume contiene in primo luogo gli Atti del Convegno "La riforma costituzionale Renzi-Boschi. Quali scenari?", che si è tenuto il 20 aprile 2016 presso l'Università degli studi di Napoli "L'Orientale" e organizzato dal Dipartimento di Scienze Umane e Sociali di questo Ateneo. Vi sono ulteriormente pubblicati altri contributi richiesti in un secondo tempo a diversi colleghi e studiosi, al fine di ...

réforme constitutionnelle ; Italie

... Lire [+]

V

- XXIV-95 p..
ISBN 978-88-921-0236-1

Présentation de l'éditeur : "La lunga transizione istituzionale ha trovato nell'approvazione della nuova legge elettorale (n. 52/2015, il cosiddetto Italicum) un primo momento di consolidamento nella direzione di una democrazia immediata, cioè di un sistema politico istituzionale nel quale gli elettori possono esprimersi, di norma, sulla scelta del Governo. Nella stessa direzione va anche la riforma costituzionale che le Camere stanno per approvare e che sarà sottoposta a referendum nell'autunno 2016. Si tratta di una revisione che si ispira a proposte avanzate, ma in ultimo non fatte proprie, dall'Assemblea Costituente, a causa della Guerra Fredda. Con essa si dovrebbe poter completare il disegno di nuovo regionalismo attraverso la riforma del Senato e, nel contempo, eliminare quel doppio circuito fiduciario che è un unicum al mondo. Al di là di taluni aspetti opinabili, il progetto costituisce un'innovazione di grande portata: al punto che il 2016 potrebbe portare a soluzione gran parte dei problemi lasciati aperti nel 1946. "
Présentation de l'éditeur : "La lunga transizione istituzionale ha trovato nell'approvazione della nuova legge elettorale (n. 52/2015, il cosiddetto Italicum) un primo momento di consolidamento nella direzione di una democrazia immediata, cioè di un sistema politico istituzionale nel quale gli elettori possono esprimersi, di norma, sulla scelta del Governo. Nella stessa direzione va anche la riforma costituzionale che le Camere stanno per ...

révision constitutionnelle ; référendum ; histoire-science politique ; Italie

... Lire [+]

V

- XXII-283 p.
ISBN 978-88--921-0261-3

Présentation de l'éditeur : "L'ideologia tecnocratico-buonista del mondo perfetto che ovunque domina nell'Occidente, sta portando ad un disarmo culturale (quando non ad una oikophobia), e a una delegittimazione del concetto di Stato. Ne deriva, in economia e specie in Europa, una redistribuzione solidaristica che conforma dall'alto il "merito" e la "crescita" con complicate procedure a punti. La crisi nella realtà italiana dominata da tempo immemorabile dall'adeguamento marginale e dal carattere eventuale dello Stato è più acuta che altrove. Gli effetti si riverberano nei frenetici mutamenti dell'organizzazione pubblica e nei rapporti tra Autorità e cittadini che vengono esaminati in dettaglio da Giovanni Cofrancesco e Fabrizio Borasi. Prefazioni di Tommaso Edoardo Frosini e di Piero Ostellino. Contributi di Alberto Marcheselli e Massimiliano Cattapani."
Présentation de l'éditeur : "L'ideologia tecnocratico-buonista del mondo perfetto che ovunque domina nell'Occidente, sta portando ad un disarmo culturale (quando non ad una oikophobia), e a una delegittimazione del concetto di Stato. Ne deriva, in economia e specie in Europa, una redistribuzione solidaristica che conforma dall'alto il "merito" e la "crescita" con complicate procedure a punti. La crisi nella realtà italiana dominata da tempo ...

Etat - Forme ; pouvoirs publics ; économie ; libertes publiques ; Italie

... Lire [+]

2 y

- IX-149 p.
ISBN 978-88-921-0235-4

Présentation de l'éditeur : "Il volume ordina intorno ad alcuni snodi teorici fondamentali le grandi campate della elaborazione della Staatslehre e della Verfassungslehre tedesca nella lunga transizione dal liberalismo giuridico alle sfide della complessità sociale. Un percorso travagliato, e spesso scandito da frangenti drammatici della storia tedesca, che hanno fatto balzare in primo piano il volto luciferino della politica e del potere nel "secolo breve". Un itinerario lungo il quale la transizione dal giuspositivismo statualistico alle "costituzioni del pluralismo", dallo stato nazione allo stato costituzionale "cooperativo" è stata accompagnata da uno sforzo poderoso di riflessione sui temi fondamentali del diritto pubblico. E nel corso di questo complesso e "paradigmatico" itinerario, la riflessione sui fondamenti dello stato e della costituzione è sfociata in elaborazioni non solo di grande suggestione ma di singolare profondità, le quali hanno esercitato un fascino indiscusso nella formazione del patrimonio costituzionale europeo."
Présentation de l'éditeur : "Il volume ordina intorno ad alcuni snodi teorici fondamentali le grandi campate della elaborazione della Staatslehre e della Verfassungslehre tedesca nella lunga transizione dal liberalismo giuridico alle sfide della complessità sociale. Un percorso travagliato, e spesso scandito da frangenti drammatici della storia tedesca, che hanno fatto balzare in primo piano il volto luciferino della politica e del potere nel ...

constitutionnalisme ; Democratie ; Allemagne

... Lire [+]

V

- 143 p.
ISBN ] 978-88-6342-973-2

révision constitutionnelle ; Italie

... Lire [+]

V

- 174 p.
ISBN 978-88-495-3201-2

Présentation de l'éditeur : "Concentrarsi sul merito della legge di riforma costituzionale e ben ponderare le ragioni del "sì" e del "no" prima di andare a votare al referendum d'autunno. Aiuta a farlo, con linguaggio semplice e chiaro (e un po' d'ironia), l'autore. Che, da giurista con occhio addestrato alla storia, esamina le nuove norme e le modificazioni più importanti che si vorrebbe apportare alla Costituzione vigente mettendone in luce i (pochi) pregi e i (molti) difetti."
Présentation de l'éditeur : "Concentrarsi sul merito della legge di riforma costituzionale e ben ponderare le ragioni del "sì" e del "no" prima di andare a votare al referendum d'autunno. Aiuta a farlo, con linguaggio semplice e chiaro (e un po' d'ironia), l'autore. Che, da giurista con occhio addestrato alla storia, esamina le nuove norme e le modificazioni più importanti che si vorrebbe apportare alla Costituzione vigente mettendone in luce i ...

réforme constitutionnelle ; Italie

... Lire [+]

V

- XXXVIII-703 p.
ISBN 978-88-921-0506-5

Présentation de l'éditeur : "Questo manuale esce nel pieno del dibattito sulla riforma costituzionale e a valle di un primo passaggio parlamentare del disegno di legge di revisione. Come ogni libro, che impegna molto tempo, era stato pensato, impostato, e gradualmente scritto, quando del tema della riforma costituzionale non si parlava affatto. E quindi basato sulla analisi degli istituti di diritto costituzionale così come questi erano stati delineati nel 1948 e come la giurisprudenza della Corte costituzionale, le convenzioni e la prassi, li ha adattati in questo lungo periodo di tempo. Nondimeno l'accelerazione in questo anno del processo di riforma ha reso necessaria una qualche integrazione. Questo in verità non tanto allo scopo di fornire un aggiornamento "dell'ultima ora" sul processo de iure condendo, quanto perché il dibattito sulla ritenuta necessità della modifica costituzionale si è ormai molto sviluppato anche a livello di opinione pubblica, ed è comunque in corso di approvazione un disegno di legge di revisione. È quindi sembrato necessario fornire agli studenti alcuni elementi di riflessione sulle linee direttrici della riforma e su alcune questioni che questa pone."
Présentation de l'éditeur : "Questo manuale esce nel pieno del dibattito sulla riforma costituzionale e a valle di un primo passaggio parlamentare del disegno di legge di revisione. Come ogni libro, che impegna molto tempo, era stato pensato, impostato, e gradualmente scritto, quando del tema della riforma costituzionale non si parlava affatto. E quindi basato sulla analisi degli istituti di diritto costituzionale così come questi erano stati ...

droit constitutionnel

... Lire [+]

V

- VI-261 p.
ISBN 978-88-9391-002-6

Contributions présentées à un séminaire qui s'est tenu à Messine, Dipartimento di Scienze politiche e giuridiche en 2015

révision constitutionnelle ; institutions politiques ; Italie

... Lire [+]

V

- 308 p.
ISBN 978-88-15-26413-8

Présentation de l'éditeur : "Quale rapporto sussiste fra transizione alla democrazia e costituzionalismo? Che ruolo hanno svolto in passato le Corti costituzionali nei processi di democratizzazione? Quali "lezioni" possono trarre da tali esperienze i Paesi come quelli coinvolti nella c.d. "Primavera araba" - che stanno attualmente affrontando una transizione da un regime non democratico? Sono questi alcuni dei principali quesiti che ispirano il volume. Oggetto della ricerca sono infatti le tre generazioni di Corti costituzionali europee istituite in seguito ai tre grandi processi di transizione democratica verificatisi in Europa nel corso del Novecento. Dall'analisi emerge come, proprio attraverso l'azione svolta nel corso di tali processi, le Corti costituzionali siano riuscite a trovare legittimazione nell'ordinamento costituzionale di riferimento e all'interno delle dinamiche delle rispettive forme di governo. Nonostante alcune ombre nella loro azione, le Corti si sono affermate come attori protagonisti delle transizioni, riuscendo a mitigare quel forte grado di incertezza che caratterizza il destino di ciascuno di questi processi, e scongiurando così il rischio di trovarsi in presenza di Costituzioni senza costituzionalismo."
Présentation de l'éditeur : "Quale rapporto sussiste fra transizione alla democrazia e costituzionalismo? Che ruolo hanno svolto in passato le Corti costituzionali nei processi di democratizzazione? Quali "lezioni" possono trarre da tali esperienze i Paesi come quelli coinvolti nella c.d. "Primavera araba" - che stanno attualmente affrontando una transizione da un regime non democratico? Sono questi alcuni dei principali quesiti che ispirano il ...

cour constitutionnelle ; droit comparé ; droit constitutionnel ; Histoire du droit

... Lire [+]

V

- 2 vol. (XX-12222 p.)
ISBN 978-88-593-0019-9

1ère édition : Editori Laterza, 2009. Présentation de l'éditeur : "Una trattazione completa delle esperienze costituzionali contemporanee, dalle forme 'classiche' di costituzionalismo ­ come il Regno Unito, gli USA, il Belgio, il Giappone ­ alle democrazie 'incerte' o di giovane costituzione, come molti Paesi dell'America latina o l'India e la Cina. Il volume si articola in due tomi. Il primo offre una trattazione sistematica degli ordinamenti contemporanei più significativi, sia consolidati che più recenti; il secondo ha un carattere storico e metodologico e passa in rassegna la modellistica comparata. Questa edizione è arricchita anche di nuove esperienze costituzionali, da Israele ai Paesi dell'Africa subsahariana."
1ère édition : Editori Laterza, 2009. Présentation de l'éditeur : "Una trattazione completa delle esperienze costituzionali contemporanee, dalle forme 'classiche' di costituzionalismo ­ come il Regno Unito, gli USA, il Belgio, il Giappone ­ alle democrazie 'incerte' o di giovane costituzione, come molti Paesi dell'America latina o l'India e la Cina. Il volume si articola in due tomi. Il primo offre una trattazione sistematica degli ordinamenti ...

droit constitutionnel comparé

... Lire [+]

V

- XVI-327 p.
ISBN 978-88-921-0439-6

Constitution ; Italie

... Lire [+]

V

- XXII-553 p.
ISBN 978-88-921-0502-7

Droit public ; Italie

... Lire [+]

V

- XII-197 p.
ISBN 978-88-14-21719-7

droit des contrats ; droit processuel

... Lire [+]

V

- 233 p.
ISBN 978-88-495-3283-8

Présentation de l'éditeur : "Il lavoro cerca di dimostrare l'infondatezza dell'orientamento che ritiene che si vada verso il superamento dei cc.dd. criteri di riparto e della differenza tra "attribuzione" e "ripartizione", oltre che della distinzione tra la giurisdizione ordinaria e quella amministrativa, confutando anche l'opinione di chi sostiene che quest'ultima viene, oggi, a connotarsi come un potere specifico esercitabile nell'ambito dell'unitaria funzione giurisdizionale. Vengono, poi, indicate le ragioni per le quali non si ritiene meritevole di accoglimento l'opinione di chi ha sostenuto, anche di recente, che sia auspicabile un'unità della giurisdizione da un punto di vista non solo funzionale ma anche organizzativo. Per respingere, poi, alcune criticità dell'indipendenza del g.a. (criticità richiamate insistentemente dai fautori della giurisdizione unica), si espongono i motivi per i quali si ritiene che la Costituzione ed il legislatore ordinario abbiano delineato un adeguato sistema di tutela dell'indipendenza del giudice amministrativo. Lo studio, inoltre, cerca di dimostrare, da un lato, che di unità della giurisdizione tutt'al più si può parlare solo sotto il profilo funzionale e non anche sotto quello organizzativo, dall'altro lato, che la tendenza all'espansione della giurisdizione ordinaria costituisce, in definitiva, un vero e proprio tentativo della Corte di Cassazione, nella sua più elevata composizione, di introdurre in via di fatto ­ senza le imprescindibili preventive riforme costituzionali ­ una giurisdizione unica anche sotto il profilo organizzativo-strutturale. Vengono, infine, indicate le considerazioni in base alle quali un rilevante contributo alla soluzione di quanto sopra accennato possa venire dal superamento della scelta ormai anacronistica della Corte di Cassazione come giudice dei conflitti, prevedendo in tal caso un organo a composizione mista."
Présentation de l'éditeur : "Il lavoro cerca di dimostrare l'infondatezza dell'orientamento che ritiene che si vada verso il superamento dei cc.dd. criteri di riparto e della differenza tra "attribuzione" e "ripartizione", oltre che della distinzione tra la giurisdizione ordinaria e quella amministrativa, confutando anche l'opinione di chi sostiene che quest'ultima viene, oggi, a connotarsi come un potere specifico esercitabile nell'ambito ...

droit administratif ; juridiction ; Italie

... Lire [+]

V

- XV-218 p.
ISBN 978-88-495-3136-7

Sommaire :
µ Nuovi paradigmi per la Giustizia amministrativa / Sabino Cassese. | Cassese, Sabino
µ Le riforme amministrative e l'effettività della Giustizia amministrativa / Mario Pilade Chiti. | Chiti, Mario P.
µ Giudizio civile e giudizio amministrativo : le ragioni e le espressioni della diversità / Aldo Travi. | Travi, Aldo
µ La tutela risarcitoria / Caterina Criscenti. | Criscenti, Caterina
µ La giurisdizione di legittimità del giudice amministrativo alla prova dell'evoluzione / Luisa Torchia. | Torchia, Luisa
µ La giurisdizione esclusiva / Luigi Maruotti. | Maruotti, Luigi
µ La mitologia della specialità e i problemi reali della Giustizia amministrativa / Aristide Police. | Police, Aristide
µ Le riforme amministrative e l'effettività della Giustizia amministrativa/ Mario Pilade Chiti. | Chiti, Mario P.
µ Giudizio civile e giudizio amministrativo: le ragioni e le espressioni della diversità / Aldo Travi. | Travi, Aldo
µ La tutela risarcitoria / Caterina Criscenti. | Criscenti, Caterina
µ La giurisdizione esclusiva / Luigi Maruotti. | Maruotti, Luigi
Sommaire :
µ Nuovi paradigmi per la Giustizia amministrativa / Sabino Cassese. | Cassese, Sabino
µ Le riforme amministrative e l'effettività della Giustizia amministrativa / Mario Pilade Chiti. | Chiti, Mario P.
µ Giudizio civile e giudizio amministrativo : le ragioni e le espressioni della diversità / Aldo Travi. | Travi, Aldo
µ La tutela risarcitoria / Caterina Criscenti. | Criscenti, Caterina
µ La giurisdizione di legittimità del giudice ...

droit administratif ; justice (administration de) ; citoyenneté ; Italie

... Lire [+]

y

- 204 p.
ISBN 978-88-9391-034-7

Présentation de l'éditeur : "Il volume raccoglie gli atti dell'incontro di studio tenutosi presso l'Università degli Studi di Napoli, Federico II, il 22 gennaio 2016, in occasione del quale sono stati discussi effetti e criticità del processo di riforma della pubblica amministrazione avviato dalla legge n. 124 del 2015. L'opera si arricchisce di alcuni contributi di approfondimento che ampliano il dibattito svolto dagli autorevoli relatori, restituendo ciascuno un tassello di un quadro normativo sempre più frammentato e di difficile lettura."
Présentation de l'éditeur : "Il volume raccoglie gli atti dell'incontro di studio tenutosi presso l'Università degli Studi di Napoli, Federico II, il 22 gennaio 2016, in occasione del quale sono stati discussi effetti e criticità del processo di riforma della pubblica amministrazione avviato dalla legge n. 124 del 2015. L'opera si arricchisce di alcuni contributi di approfondimento che ampliano il dibattito svolto dagli autorevoli relatori, ...

procédure administrative ; droit administratif ; Italie

... Lire [+]

V

- XI-187 p.
ISBN 978-88-921-0549-2

Présentation de l'éditeur : "Il 7 giugno 2016 nella ex Chiesa di San Agostino ora aula Magna dell'Università degli studi di Bergamo si è svolto il convegno su Cattiva amministrazione e responsabilità amministrativa. L'iniziativa si inserisce nel percorso di studio e confronto aperto dagli incontri preliminari di Pisa (19 febbraio 2016, Le misure di prevenzione della cattiva amministrazione: le garanzie procedimentali) e di Campobasso (8-9 aprile 2016, I rimedi alla cattiva amministrazione: autotutela, poteri sostitutivi e altro) con il proposito di accompagnare, attraverso differenti declinazioni del tema generale, al convegno annuale dell'Associazione italiana dei professori di diritto amministrativo del 7-8 ottobre 2106 che si terrà a Roma su 'Antidoti alla cattiva amministrazione: una sfida per le riforme'."
Présentation de l'éditeur : "Il 7 giugno 2016 nella ex Chiesa di San Agostino ora aula Magna dell'Università degli studi di Bergamo si è svolto il convegno su Cattiva amministrazione e responsabilità amministrativa. L'iniziativa si inserisce nel percorso di studio e confronto aperto dagli incontri preliminari di Pisa (19 febbraio 2016, Le misure di prevenzione della cattiva amministrazione: le garanzie procedimentali) e di Campobasso (8-9 aprile ...

droit administratif ; administration publique ; jurisprudence

... Lire [+]

V

- 351 p.
ISBN 978-88-93910-27-9

droit administratif ; Italie

... Lire [+]

y

- XXVII-525 p.
ISBN 978-88-7524-363-0

Présentation de l'éditeur : "L'opera - frutto del lavoro coordinato di un gruppo di giuristi esperti del settore - costituisce una guida al nuovo Codice dei contratti pubblici ed è articolata in due parti: il Commento al testo del nuovo Codice, predisposto seguendone l'ordine sistematico e le connessioni con le direttive UE; una serie di tavole riepilogative delle principali novità introdotte rispetto al precedente Codice degli appalti in riferimento a ciascun istituto. L'esposizione è semplice e diretta, l'analisi è di taglio teorico-pratico. È uno strumento di studio e di lavoro per tutti coloro che si occupano a vario titolo di contratti pubblici di appalto e concessione."
Présentation de l'éditeur : "L'opera - frutto del lavoro coordinato di un gruppo di giuristi esperti del settore - costituisce una guida al nuovo Codice dei contratti pubblici ed è articolata in due parti: il Commento al testo del nuovo Codice, predisposto seguendone l'ordine sistematico e le connessioni con le direttive UE; una serie di tavole riepilogative delle principali novità introdotte rispetto al precedente Codice degli appalti in ...

droit des contrats ; droit des marchés publics ; Italie

... Lire [+]

V

- XXVIII, 851 p.
ISBN 978-88-08-17144-3

Présentation de l'éditeur : "Il volume raccoglie il commento alle disposizioni del titolo VI del primo libro del codice di rito, che detta la disciplina generale dell'atto processuale civile. Il titolo è infatti articolato in tre capi, dedicati, rispettivamente, alle forme degli atti, ai termini e alla nullità. Il processo non è altro che la somma dei suoi atti, somma che culmina nella pronuncia della decisione della lite. I principi che regolano la materia rivestono quindi grande interesse non solo teorico, ma anche applicativo, venendo ad incidere ­ per i profili relativi alla fisiologia e soprattutto alla patologia dell'atto ­ sul diritto della parte a ottenere la decisione nel merito sulla pretesa fatta valere.
La disciplina generale dell'atto è stata oggetto nel corso degli ultimi anni di continui e profondi mutamenti, normativi e giurisprudenziali. Basti pensare ai cambiamenti strutturali subiti dalla sentenza ed all'utilizzo sempre più frequente delle forme dell'ordinanza e del decreto per i provvedimenti decisori; alle conseguenze dell'introduzione del processo civile telematico; all'importanza crescente assunta dall'istituto della rimessione in termini. L'opera si sofferma con particolare attenzione sulla disciplina delle comunicazioni e delle notificazioni, prendendo in esame le svariate questioni ancora irrisolte e i più recenti orientamenti giurisprudenziali, specificamente in tema di nullità, inesistenza e collocazione nel tempo degli effetti della notificazione. La materia, nel complesso, viene affrontata con l'intento di fornire al lettore un quadro del «diritto vivente» senza perdere di vista il canone fondamentale dettato dal legislatore, ossia il principio di strumentalità: quello che conta non è la forma in sé, ma lo scopo per il quale la forma dell'atto è dettata e sanzionata."
Présentation de l'éditeur : "Il volume raccoglie il commento alle disposizioni del titolo VI del primo libro del codice di rito, che detta la disciplina generale dell'atto processuale civile. Il titolo è infatti articolato in tre capi, dedicati, rispettivamente, alle forme degli atti, ai termini e alla nullità. Il processo non è altro che la somma dei suoi atti, somma che culmina nella pronuncia della decisione della lite. I principi che ...

procédure civile

... Lire [+]

V

- 105 f.

Mémoire de Master 2 : Personne et procès, spécialité droits fondamentaux : Toulon (Université de Toulon et du Var) : 2017

droits et libertés fondamentaux ; justice constitutionnelle ; droit japonais

... Lire [+]

V

- 113 f.

Mémoire de Master 2 : Pratique des droits fondamentaux, Personnes et procès, droits fondamentaux : Toulon (Université de Toulon et du Var) : 2017

droits et libertés fondamentaux ; Droit de la personne ; dignité de la personne humaine

... Lire [+]

Nuage de mots clefs ici

0

Dossiers

 




Z